Mausolea and Funerary Landscapes of North Africa

Istituto di Studi Romani, 26-27 ottobre 2017
Piazza dei Cavalieri di Malta 2

L’incontro di studio è indirizzato ad analizzare, in differenti ambiti geografici dell’Africa del Nord (principalmente Libia – Cirenaica e Tripolitania –, ma anche Tunisia e Algeria), e all’interno di un arco cronologico che dall’età ellenistica si estende fino al IV secolo d.C., il soggetto ‘mausoleo’, nella sua qualità di componente essenziale e distintiva del paesaggio antico, attraverso un ventaglio di argomenti che hanno la finalità di metterne in luce le sue differenziate e complesse sfaccettature.


Come manufatto polisemantico e altamente indicativo dell’identità dei committenti (specie in determinati contesti provinciali), il mausoleo è infatti materia complessa e richiede un approccio in grado di tenere conto della compenetrazione di molteplici temi e contenuti. Al di là pertanto della divisione essenzialmente geografica delle sezioni in cui sarà articolato l’incontro, gli argomenti che verranno trattati intendono spaziare dalle caratteristiche del contesto regionale in cui i mausolei sono stati edificati alla valenza funeraria dei manufatti; dalla tipologia monumentale alla decorazione architettonica; dalle caratteristiche del bagaglio iconografico, sintomo della profonda evoluzione delle culture locali a contatto con modelli esterni, alla selezione che dei soggetti è stata operata in funzione delle esigenze di rappresentazione dei maggiorenti locali; dai contenuti simbolici alle peculiarità ‘regionali’ del linguaggio formale, per giungere, infine, alla ricostruzione del contesto sociale la cui lettura è, in alcuni casi, facilitata dalla presenza delle iscrizioni.
Alla Tripolitania, dove questa tipologia architettonica è abbondantemente rappresentata tanto lungo la fascia costiera quanto nell’entroterra solcato dai grandi uidian, è riservato uno spazio speciale, in considerazione dell’attenzione che in tempi recenti è stata dedicata ai suoi mausolei e che concretamente ha preso forma nella ricognizione intensiva del suburbio leptitano e del territorio prossimo al centro antico, nell’anastilosi di alcuni esemplari lungo la costa e nell’interno, nella rinnovata attenzione per Ghirza, non da ultimo nell’allestimento del Museo di Beni Ulid (1999), formatosi dalla raccolta di elementi architettonici e figurati provenienti dai numerosi mausolei dei suoi dintorni, allo stato attuale oggetto di un progetto di cooperazione tra il Department of Archaeology della Libia e la Missione Archeologica dell’Università Roma Tre.

A più di trenta anni dalla uscita dell’influente studio di Olwen Brogan e David Smith sull’insediamento di Ghirza e a fronte di una migliore conoscenza dei territori in cui i mausolei sorgono grazie ai risultati ottenuti dal progetto UNESCO Libyan Valleys Archaeological Surveys, ci pare siano maturi i tempi per promuovere su questo tema un costruttivo dibattito: un dibattito sollecitato tanto dal notevole incremento della documentazione di cui disponiamo a seguito delle ricognizioni realizzate dal Department of Archeology nel territorio di Beni Ulid verso la fine degli anni Novanta del secolo scorso, quanto dal lavoro di riordino e studio della documentazione fotografica relativa alle ricognizioni condotte da studiosi britannici nel secondo dopoguerra, conservata negli archivi della Society for Libyan Studies. Non da ultimo il dibattito è richiesto dagli importanti spunti emersi dalla revisione interpretativa della componente iconografica dei mausolei – nello specifico quelli di Ghirza –, dovuta principalmente a David Mattingly e a Paul Zanker, meritevole, appunto, di un aperto confronto.
Finalità non secondaria dell’incontro è inoltre quella di promuovere il dialogo con i nostri colleghi archeologi che recentemente si sono impegnati, attraverso una serie di ricognizioni, nel compito di documentare quanto ancora rimane del paesaggio antico, che va a ogni costo salvaguardato. Il convegno può pertanto offrire un’occasione per innescare il processo virtuoso dello scambio e della condivisione dei dati, per mettere in atto una collaborazione internazionale finalizzata a sostenere una schedatura sistematica rivolta alla conservazione di un patrimonio monumentale considerevole e unico, per la cui sopravvivenza è altrettanto fondamentale la sensibilizzazione delle comunità locali. I mausolei, infatti, sono strutture fragili e soggette a danneggiamenti che non si configurano unicamente come cedimenti strutturali. Se nei primi anni dell’occupazione italiana molti di essi vennero riutilizzati a scopi militari e dunque furono profondamente manomessi o smantellati, oggi su questi monumenti incombono rischi di distruzione (a seguito di scontri armati, come è successo a Beni Ulid) o, più concretamente, di saccheggio dei blocchi per il loro reimpiego, o di furto di elementi figurati che potrebbero essere destinati ad alimentare il traffico illecito di antichità: un potenziale di rischio che la collocazione dei mausolei al di fuori delle aree archeologiche controllate rende acuto e attuale.

Luisa Musso (Università Roma Tre)
Fulvia Bianchi (Missione archeologica Università Roma Tre)
Andrea Zocchi (University of Leicester – Missione archeologica Università Roma Tre)